top of page
  • Immagine del redattoredr.ssa Elizabeth Moore

La Depressione

Che cos'è e come si manifesta, sintomi e cura


foto di donna di spalle in un paesaggio di montagna


Cos’è la depressione?

La depressione è una reazione ad eventi della vita: un momento di crisi spesso scatenato da fasi difficili della vita o eventi che l'hanno segnata come perdite, lutti, malattie...

Se queste difficoltà della vita danno l'avvio a una rielaborazione psicologica che consente di superare il momento difficile e trovare nuove soluzioni, ci troviamo in una situazione di depressione detta “reattiva”. Quando però la fase depressiva si prolunga e acutizza, può trasformarsi in un disturbo psichico a volte anche molto grave.

I tipi di depressione e i disturbi dell'umore

La depressione rientra tra quelli che sono definiti disturbi dell'umore.

Le modalità attraverso cui la depressione può manifestarsi sono numerose.


Semplificando, è possibile differenziare:

  • l’episodio depressivo minore , un unico episodio transitorio di deflessione dell’umore

  • il disturbo depressivo maggiore, contraddistinto dalla stabilità e dalla maggiore pervasività della sintomatologia nonché dalla compromissione del funzionamento sociale e lavorativo.

  • Il disturbo distimico, invece, è caratterizzato dalla presenza di umore cronicamente depresso, ma in forma meno grave (una sorta di permanente e accentuato malumore ).

  • Ci sono poi disturbi depressivi che si manifestano in occasione di particolari eventi (ad esempio, la depressione post-partum che colpisce le donne nei mesi immediatamente successivi al parto)

Quando gli episodi depressivi tendono a recidivare, si parla di depressione ricorrente.


Esistono poi disturbi che presentano particolari caratteristiche cliniche come nel caso dei disturbi bipolari, i quali rientrano anch'essi nei disturbi dell'umore come la depressione, ma si caratterizzano per gravi alterazioni delle emozioni, dei pensieri e dei comportamenti, in cui episodi depressivi maggiori vengono seguiti o preceduti da fasi di eccessiva e disordinata euforia (fase maniacale). Chi ne soffre può essere al settimo cielo in un momento e alla disperazione in un altro senza alcuna ragione apparente passando dal paradiso nella fase maniacale o ipomaniacale, all'inferno nella fase depressiva, e questo anche molto frequentemente.


I sintomi della depressione

Le forme più leggere di depressione si manifestano con un abbassamento del tono dell’umore, sensazioni di tristezza, sensi di colpa, ansia, insonnia, diminuzione dell’autostima, ipercriticità, eccesso di dipendenza affettiva. Nelle forme più gravi e patologiche, la depressione colpisce il benessere psicofisico della persona: il passato e il presente sono vissuti con dolore, tristezza e mancanza di senso, mentre il futuro appare senza prospettive. Fisicamente si soffre di emicranie ricorrenti, o malesseri alle ossa, fino a un abbassamento della risposta immunitaria. Le forme più severe di depressione possono portare al desiderio e al tentativo di porre fine alla propria vita con il suicidio.


Il DSM, il Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali, nato col difficile obiettivo di classificare tutti i disturbi mentali è uno degli strumenti diagnostici per i disturbi mentali più utilizzati al mondo.


Vediamo ora i criteri che il DSM (nello specifico il DSM-5-TR , Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali alla sua 5a edizione revisionata nel 2023) da per la DIAGNOSI DI DEPRESSIONE MAGGIORE


Occorre che 5 o più dei seguenti sintomi siano stati contemporaneamente presenti durante un periodo di 2 settimane e rappresentino un cambiamento rispetto al precedente livello di funzionamento; almeno uno dei sintomi dev’essere costituito da umore depresso o perdita di interesse o piacere.

  1. Umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi tutti i giorni, come riportato dall’individuo (per es. si sente triste, vuoto/a, disperato/a) o come osservato da altri (per es. appare lamentoso/a).

  2. Marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte, o quasi tutte, le attività per la maggior parte del giorno, quasi tutti i giorni.

  3. Significativa perdita di peso, non dovuta a dieta, o aumento di peso (per es. un cambiamento superiore al 5 % del peso corporeo in 1 mese) oppure diminuzione o aumento dell’appetito quasi tutti i giorni. NOTA: nei bambini, considerare l’incapacità di raggiungere i normali livelli ponderali.