top of page
  • Immagine del redattoredr.ssa Elizabeth Moore

Counseling e Adolescenti


Dipinto raffigurante una via di città con tanti appartamenti diversi e coloranti, a voler raffigurare la complessità dell'adolescenza

E' possibile operare con il counseling all'interno di vari contesti,

ma appare come particolarmente indicato nel trattamento con gli adolescenti


Il Counseling Psicologico


L'intervento di Counselig Psicologico è utile quando non è presente o evidente un disturbo psicologico, ma piuttosto nei casi di specifiche difficoltà personali, che possono andare dallo sviluppare delle risorse, gestire dei pensieri, migliorare una relazione affettiva, prendere una decisione, sviluppare delle risorse...


Con l'intervento di counseling lo psicologo cerca di sostenere, favorire, sviluppare le potenzialità della persona stimolando le capacità, le consapevolezze e le risorse strettamente personali.


E' possibile operare con il counseling all'interno di vari contesti. Ogni singolo contesto ha comunque caratteristiche proprie di quel contesto.


Counselig con gli adolescenti

Per quanto riguarda in particolare il counseling con gli adolescenti, la necessità di stabilire una relazione positiva è ormai riconosciuta come caratteristica essenziale.

E’ attraverso questo rapporto che si può coinvolgere il ragazzo, consentendogli di aprirsi e di parlare di sé.

E’ un rapporto che va costruito, passo dopo passo e la sua mancanza può impedire il processo terapeutico.

La costruzione di una relazione positiva con l’adolescente è pertanto uno degli aspetti fondamentali.


Studio: Un recente studio che ha coinvolto vari professionisti della salute provenienti da diversi

campi, tutti esperti nel lavoro con gli adolescenti, ha indagato attraverso l’uso di focus group i fattori che potessero aiutare la pratica con i ragazzi. I partecipanti a questo studio hanno sottolineato come il lavoro con gli adolescenti differisca a seconda dei casi; allo stesso tempo è emersa come categoria centrale e unificante in questa analisi la centralità delle relazioni, cioè l’importanza del processo di costruzione e di collaborazione nel rapporto (Schmied e Walsh, 2010).


Le difficoltà a coinvolgere i ragazzi in terapia è ampiamente percepita .


E’ stato ipotizzato che un aspetto di questa difficoltà possa essere il divario tra i giovani e gli adulti circa la percezione del tempo. Per alcuni adolescenti anche un intervento breve può apparire senza fine e comunque un’imposizione oppressiva alla propria libertà.

Le qualità che caratterizzano gli adolescenti suggeriscono che possano trarre beneficio da un intervento circoscritto ad alcune aree e che si proponga di dare al ragazzo strumenti per fronteggiare le difficoltà in un percorso di durata più limitata; l’intervento di counseling, che si caratterizza per un intervento circoscritto, sembra quindi ben adattarsi.

Spesso l'obiettivo principale del counseling rivolto agli adoles